Nel corso del workshop “Healtcare 4.0: digitalizzazione dell’industria farmaceutica”, organizzato all’Università Campus Bio-Medico di Roma, in collaborazione con Ispe Italia e Gamp, il presidente di Confindustria Digitale Elio Catania, ribadisce la necessità di un “Piano Salute 4.0”.

La trasformazione digitale della sanità secondo Catania è possibile, ma richiede di rivedere alla base tutti i processi organizzativi e produttivi, in un’ottica di miglioramento dell’intero sistema sanitario.

La proposta del presidente di Confindustria Digitale è seguire una strada verso la digitalizzazione del settore ospedaliero seguendo il modello del Piano Industria 4.0. Sarebbero tre le condizioni imprescindibili di cui tenere conto:

  • il coinvolgimento della classe politica ai livelli più alti,
  • una stretta collaborazione sul piano precompetitivo e progettuale fra pubblico e privato
  • Responsabilizzazione e formazione specifica dei dirigenti

“È sotto gli occhi di tutti che nella sanità italiana questo sta accadendo solo in termini estremamente frammentati, in assenza pressoché totale di strategie concertate e condivise fra attori territoriali e centrali. Il risultato – ha continuato Catania– è una geografia della sanità digitale a macchia di leopardo, con isole di eccellenza, come l’Università Campus Bio-Medico di Roma, che si confrontano con situazioni territoriali di assoluta arretratezza digitale”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.