Ecco un’altra protesi robotica, una mano, ma questa volta è una mano che piega le dita e afferra oggetti con un’efficienza pari al 90% di quella di una mano naturale. Non richiede bisturi ed è più economica di quelle attuali. E’ esito del lavoro del laboratorio voluto nel 2013 da Inail e ‘Istituto italiano di tecnologia. E’ stata recentemente presentata a Roma e offre non solo la possibilità di piegare le dita con la forza voluta ma anche e soprattutto quella di indossarla senza necessità di un intervento chirurgico.

Questa protesi robotica è stata sviluppata a partire dal 2013 nell’ambito di un protocollo finalizzato allo sviluppo di protesi di nuova generazione che prevedeva un investimento di 7,5 milioni nell’ambito di un piano triennale (2013-2015) da 12 milioni. Il risultato, frutto di oltre 10 anni di lavoro complessivo ed è una dimostrazione di come la tecnologia possa aprire grandi opportunità a livello sociale e sulla stessa base si stanno ora  sviluppando esoscheletri e protesi di braccia e gambe.

La sua peculiarità risiede nella parte robotica, che è unica nel suo genere è dotata di sensori nella parte di innesto con l’arto amputato e agisce tramite un algoritmo dati  e intelligenza artificiale. Tutto questo conferisce alla mano versatilità e naturalezza nel movimento, elementi che la caratterizzano insieme alla resistenza dei materiali e alla semplicità d’uso.

Il meccanismo alla base del movimento delle dita, della forza e del tipo di presa dipende dal sistema DAG – acronimo di Dynamic Adaptive Grasp – brevettato dal team IIT-Inail, che conferisce alla mano protesica la capacità di afferrare gli oggetti adattandosi alla loro forma e di resistere alle eventuali sollecitazioni esterne, perseguendo l’obiettivo di replicare la gestualità e la funzionalità dell’arto naturale, utilizzando un singolo motore. Le caratteristiche di costruzione del dispositivo consentono alla batteria di coprire fino a una giornata intera di utilizzo

La mano è pronta per la commercializzazione a partire dal 2019.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.